Gli europei dovrebbero “ringraziare” gli americani per aver distrutto il Nord Stream?

Di Robert Bridge, 29 settembre 2022

L’Europa avrebbe dovuto ascoltare il consiglio di Henry Kissinger: “Essere nemici degli Stati Uniti è pericoloso, ma essere amici è fatale”.

Con il proseguimento delle indagini sulla distruzione del gasdotto Nord Stream, che riforniva l’Europa di energia dalla Russia, sembra esserci un solo sospettato principale, e questo non dovrebbe sorprendere nessuno.

Dopo il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream 1 e 2, l’ex ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski sembrava già conoscere l’identità del colpevole quando ha twittato: “Grazie, Stati Uniti”.

A prima vista, sembrava che Sikorski stesse parlando in modo sarcastico, rimproverando Washington per aver compiuto un attacco che avrà gravi ripercussioni sui cittadini europei. Dopotutto, come si può vedere qualcosa di buono dall’interruzione della principale fonte di riserve di gas dell’Europa con l’inverno alle porte? Dopotutto, è stata la Polonia, il Paese natale di Sikorski, a esortare i suoi cittadini a raccogliere legna da ardere di fronte alla diminuzione delle riserve di gas.

In realtà, il diplomatico polacco parlava al cento per cento in senso letterale, ringraziando gli Stati Uniti per aver fatto sprofondare il continente nell’abisso. Questo è stato l’atteggiamento dei leader europei fin dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina: “Accetteremo la nostra autodistruzione come da copione dei politici di Washington, finché i cattivi di Mosca ascolteranno i nostri piagnistei e le nostre urla virtuose”. Le capitali europee stanno per imparare a loro spese che i segnali di virtù non servono a mettere il cibo in tavola o a riscaldare le case.

Tuttavia, a giudicare dall’aumento della temperatura in Europa, da ultimo in Italia, dove un leader di estrema destra è salito al potere sull’onda di elettori stufi delle bollette dell’elettricità e dell’immigrazione selvaggia, la frase “Grazie, Stati Uniti” potrebbe essere scolpita nella pietra tombale dell’Europa.

Ma prima, la grande domanda: gli Stati Uniti sono davvero responsabili della distruzione di Nord Stream, come sembra credere Sikorski? Beh, se dovessimo prendere in parola l’imbranato Joe Biden, la risposta sembrerebbe essere sì.

“Se la Russia invade, cioè se i carri armati o le truppe attraversano di nuovo il confine dell’Ucraina, allora non ci sarà – non ci sarà più il Nord Stream 2”, ha dichiarato il leader statunitense ai giornalisti due settimane prima che la Russia iniziasse la sua missione in Ucraina. “Metteremo fine a tutto questo”.

Quando gli è stato chiesto di specificare, Biden ha risposto: “Vi prometto che saremo in grado di farlo”.

Ci sono altri indizi che fanno pensare alla complicità americana.

Il 2 settembre, un elicottero americano con il nominativo FFAB123 è stato osservato mentre manovrava nella zona dei gasdotti Nord Stream. Secondo il sito ads-b.nl, quel giorno sei velivoli hanno utilizzato questo nominativo, di cui sono stati accertati i numeri di coda di tre. Tutti erano Sikorsky MH-60S. Sovrapponendo la rotta FFAB123 allo schema che segna le aree delle esplosioni, si può osservare che l’elicottero volava lungo il percorso del Nord Stream-2, oppure esattamente tra i punti in cui si è verificato l'”incidente”.

Nel frattempo, su Twitter, sono stati pubblicati gli screenshot di altri voli di velivoli americani, a partire dal 13 settembre, esattamente nella stessa zona. A giugno è uscito un articolo sulla rivista Sea Power in cui gli americani si vantano degli esperimenti nel campo dei droni subacquei che hanno messo in atto durante le esercitazioni BALTOPS 22 – nell’area dell’isola di Bornholm, l’isola danese dove si sarebbero verificate le esplosioni.

“La sperimentazione è stata condotta al largo di Bornholm, in Danimarca, con i partecipanti del Naval Information Warfare Center Pacific, del Naval Undersea Warfare Center Newport e del Mine Warfare Readiness and Effectiveness Measuring, tutti sotto la direzione della Task Force 68 della 6a Flotta statunitense”, riporta Sea Power.

Un tale “esperimento” avrebbe richiesto l’equipaggiamento di profondità necessario per raggiungere i fondali dove si trovano i gasdotti del Nord Stream.

Infine, ecco un’ultima allettante informazione per tutti i teorici delle coincidenze. Il giorno successivo alla messa fuori servizio di Nord Stream 1 e 2, i leader di Polonia, Norvegia e Danimarca hanno partecipato alla cerimonia di apertura del nuovo Baltic Pipe, che trasporterà il gas naturale dalla Norvegia attraverso la Danimarca e il Mar Baltico fino alla Polonia, la patria ferocemente russofoba di Sikorski. Sì, una semplice coincidenza.

Tuttavia, il fattore principale che spinge Washington a mettere mano alla distruzione di Nord Stream è l’enorme potere – sia finanziario che politico – che ne ricaverà. La crisi economica in Europa sta già costringendo aziende e società a prendere in considerazione la possibilità di trasferirsi negli Stati Uniti, che offrono un ambiente commerciale migliore e bollette elettriche più o meno convenienti.

E dopo la distruzione del Nord Stream, la situazione economica del continente si deteriorerà notevolmente. Anche se l’NS-II non è stato lanciato, c’era la possibilità di farlo e questa “possibilità” ha avuto un effetto considerevole sul mercato. Ora, senza il suo principale fornitore di energia, l’Europa è condannata mentre l’America si impenna.

La distruzione economica dell’Europa la rende totalmente dipendente dagli Stati Uniti dal punto di vista economico, politico e militare, trasformandola in una tigre senza denti, senza volontà politica e senza indipendenza. Allo stesso tempo, l’Europa diventerà quasi completamente dipendente dagli Stati Uniti per il gas (proibitivo). Gli Stati Uniti prevedono di fornire quest’anno almeno 15 miliardi di metri cubi (bcm) di gas naturale liquefatto (LNG) ai mercati dell’Unione Europea, mentre l’Europa cerca di svincolarsi dalle forniture di gas russo.

In altre parole, la trasformazione dell’UE in una repubblica delle banane – anche se nell’emisfero settentrionale, con l’inverno alle porte – è già iniziata.

Europa, avresti dovuto ascoltare il consiglio di Henry Kissinger, che conosce la natura degli Stati Uniti meglio di chiunque altro: “Essere nemici degli Stati Uniti è pericoloso, ma esserne amici è fatale”.

Armando Savini

Fonte: https://strategic-culture.org/news/2022/09/29/should-europeans-thank-americans-for-destroying-nord-stream/ 

(Visited 709 times, 1 visits today)

About The Author

Potrebbe interessarti anche