Ops. L’implosione di Sam Bankman-Fried ha portato con sé il secondo più grande donatore dei Democratici, mentre il partito si prepara a regolamentare le criptovalute

Molti giornali hanno parlato dell’implosione di FTX come di un nuovo caso Lehman: il Lehman Brothers della cripto-finanza. Sappiamo che Lehamn Brothers non fallì per puro caso ma fu fatta fallire. Perché TFX, la seconda maggiore piattaforma di criptovalute al mondo, è implosa proprio in concomitanza delle elezioni americane di medio termine? Si tratta solamente di una coincidenza o l’evento è legato ai nuovi assetti geopolitici e all’onda rossa dei Repubblicani? Il crollo delle cripto è un evento da considerare ciclico o segna l’inizio di una nuova tendenza? Secondo qualche agenzia di stampa, sembrerebbe che il regime di Kiev abbia investito pesantemente in FTX. Ciò potrebbe indebolire il Governo ucraino e, di conseguenza, la NATO nel lungo termine. Di seguito un articolo molto interessante di Steve Mollman pubblicato qualche giorno fa su Fortune.

Quest’anno pochi nomi sono stati più importanti per le criptovalute di Sam Bankman-Fried, amministratore delegato dello scambio di criptovalute FTX. Quando questa settimana è emerso che il miliardario dai capelli ricci e il suo exchange si trovavano ad affrontare una crisi di liquidità, che lui non era più un miliardario e che il suo exchange probabilmente non era solvibile, ha gettato un’ombra sull’intero spazio delle criptovalute e ha fatto crollare le valute digitali.

pastedGraphic.png Sovranità, debito e moneta

Dal Quantum Financial System al Nuovo Ordine Multipolare

https://www.youcanprint.it/sovranita-debito-e-moneta/b/5fce4a04-262c-59a1-bfb6-5313289468a3

Ha gettato un’ombra anche a Washington. 

Il trentenne Bankman-Fried è stato una forza importante nella politica democratica, classificandosi come il secondo più grande donatore individuale del partito nel ciclo elettorale 2021-2022, secondo Open Secrets, con donazioni per un totale di 39,8 milioni di dollari. Si colloca solo dietro a George Soros (circa 128 milioni di dollari) ma davanti a molti altri grandi nomi, tra cui Michael Bloomberg (28,3 milioni di dollari). Inoltre, aveva promesso di spendere molto di più per i democratici, prevedendo a maggio che avrebbe finanziato “più di 100 milioni di dollari” e che aveva un “tetto morbido” di 1 miliardo di dollari per le elezioni del 2024. 

Ora non sembra più così probabile. Il mese scorso ha fatto marcia indietro sulla previsione, definendola “stupida” a Politico, e martedì il suo patrimonio netto è sceso da 15,6 miliardi di dollari a un valore potenzialmente inferiore a 1 miliardo, definito da Bloomberg il più grande crollo di un giorno mai visto tra i miliardari. Ora nella criptosfera volano voci su una sua possibile bancarotta.

Le autorità di regolamentazione federali stanno ora indagando su FTX per determinare se abbia danneggiato i clienti o infranto le norme finanziarie dopo l’implosione di FTX, che ha visto 5 miliardi di dollari di prelievi nella sola giornata di domenica, molti dei quali spinti da un tweet dell’amministratore delegato della borsa rivale Binance che annunciava di voler scaricare le monete legate a FTX. Binance sembrava poi venire in soccorso di FTX martedì, prima di abbandonare la sua offerta di acquisto di FTX all’undicesima ora il giorno successivo. I prezzi delle criptovalute sono crollati tra le preoccupazioni sulla solvibilità di FTX e i timori di un possibile contagio. Si tratta di una svolta epocale per FTX, che al suo apice era valutata più di 30 miliardi di dollari, e per lo spazio delle criptovalute, il cui valore è sceso da 3.000 miliardi di dollari a meno di 2.000 miliardi durante il Crypto Winter di quest’anno.

Si tratta di una ricchezza distrutta che lascia incerto il futuro delle criptovalute, ma è anche potenzialmente imbarazzante per i Democratici, che hanno ricevuto ingenti donazioni da personaggi del mondo delle criptovalute e che quest’anno hanno fatto qualche timido passo avanti verso la regolamentazione del settore. Bankman-Fried è stato uno dei principali donatori del Presidente Joe Biden nelle elezioni del 2020 ed è il principale donatore del Protect Our Future PAC, il comitato di azione politica che ha appoggiato candidati democratici come Peter Welch, che questa settimana ha vinto la sua candidatura per diventare il prossimo senatore del Vermont, e Robert J. Menendez del New Jersey, che ha ottenuto un seggio alla Camera.

Alcuni democratici si sono espressi sui problemi dell’FTX.

L’addetto stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha dichiarato che “una regolamentazione prudente delle criptovalute è effettivamente necessaria” e che l’amministrazione Biden e le agenzie governative competenti monitoreranno la situazione man mano che si sviluppa, aggiungendo che le criptovalute interessano gli americani comuni.

Mercoledì sera, la senatrice democratica Elizabeth Warren ha twittato: “Il crollo di una delle più grandi piattaforme di criptovalute mostra come gran parte dell’industria sembri essere fumo negli occhi. Abbiamo bisogno di un’applicazione più aggressiva e continuerò a spingere @SECGov a far rispettare la legge per proteggere i consumatori e la stabilità finanziaria”.

Fonte: https://fortune.com/2022/11/10/sam-bankman-fried-ftx-joe-biden-democratic-party-second-biggest-donor/ 

A cura di Armando Savini

(Visited 355 times, 9 visits today)

About The Author

Potrebbe interessarti anche