Tubo baltico: Apertura del gasdotto Norvegia-Polonia per ridurre la dipendenza dalla Russia

Il giorno prima del sabotaggio al Nord Stream 1 e 2, è stato inaugurato il gasdotto baltico, che unisce la Norvegia alla Polonia. Il tweet di Radoslaw Sikorski, “Grazie USA!” sotto all’immagine del gas nel Mar Baltico sfata ogni possibile dubbio, oltre alle esplicite dichiarazioni di Joe Biden e Victoria Nuland. Per la riparazione del Nord Stream 1 e 2, secondo alcune stime, ci vorranno almeno sei mesi, salvo complicanze. Con l’inaugurazione del Baltic Pipeline e la distruzione del Nord Stream, è stata attaccata l’Europa e, in particolare, la Germania e l’Italia, i principali beneficiari del gas russo. La Germania, oltre alla deindustrializzazione, perde la sua vocazione di Hub europeo del gas e la Russia la possibilità – seppur provvisoriamente – di rafforzare le sue relazioni commerciali con l’Europa. Viene premiata la Polonia per la sua sudditanza agli ordini USA. L’attacco USA è riuscito a sventare la peggiore minaccia per le Potenze del Mare: l’unione dei due Heartland (Russia e Germania), i due poli che, se uniti, possono dar vita all’Unione Eurasiatica, cioè, all’interconnessione dell’Isola-Mondo. Mackinder affermava che «Chi controlla l’Est Europa comanda l’Heartland: chi controlla l’Heartland comanda l’Isola-Mondo: chi controlla l’Isola-Mondo comanda il mondo». Dopo il risultato favorevole dei referendum per l’annessione alla Russia delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk, la furia cieca della potenza americana ha colpito, senza pensare alle conseguenze sul piano politico, economico e finanziario dell’area Euro, che potrebbe vedere un’accelerazione verso la disgregazione dell’UE e la fine della moneta unica. Come ha dichiarato Aleksandr Dugin, senza l’Ucraina la Russia non può essere impero. I risultati del referendum hanno forse innescato un punto di non ritorno.

Tubo baltico: Apertura del gasdotto Norvegia-Polonia per ridurre la dipendenza dalla Russia

By Alasdair Sandford  with Reuters    Updated: 27/09/2022 – 17:54

I leader di Polonia, Norvegia e Danimarca hanno presenziato alla cerimonia di inaugurazione del nuovo gasdotto del Baltico, una tappa fondamentale nel processo di liberazione della Polonia e dell’Europa dal gas russo.

Il gasdotto trasporterà il gas naturale dalla piattaforma norvegese attraverso la Danimarca e il Mar Baltico fino alla Polonia. È il fulcro di una strategia polacca di diversificazione dalla Russia iniziata anni prima che l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca a febbraio scatenasse una crisi energetica globale.

I flussi dalla Norvegia e le forniture attraverso i terminali di gas liquefatto sono al centro del piano della Polonia. Il Paese è stato tagliato fuori dalle forniture di gas russo ad aprile, presumibilmente per essersi rifiutato di pagare in rubli.

“L’era del dominio russo nel settore del gas sta per finire, un’era caratterizzata da ricatti, minacce ed estorsioni”, ha dichiarato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki all’inaugurazione di Budno, nella Polonia occidentale.

Il ministro dell’Energia norvegese Terje Aasland ha dichiarato che si tratta di “un passo importante sulla strada dell’indipendenza dell’Europa dall’energia russa”.

“Dobbiamo fare tutto il possibile per eliminare l’energia come strumento del potere russo”, ha aggiunto il primo ministro danese Mette Frederiksen. “Insieme sconfiggeremo Putin”. 

L’inaugurazione è avvenuta dopo che le autorità danesi e svedesi hanno individuato diverse perdite di gas nei gasdotti Nord Stream gestiti dalla Russia, facendo temere un sabotaggio.

L’operatore di sistema danese Energinet ha dichiarato nel fine settimana che il collegamento Baltic Pipe potrebbe essere messo in funzione a piena capacità con un mese di anticipo grazie ai buoni progressi dei lavori in Danimarca. La data prevista è stata anticipata alla fine di novembre invece che al 1° gennaio.

I lavori in Danimarca erano stati sospesi per nove mesi per motivi ambientali, ma sono ripresi lo scorso marzo.

“Grazie a uno sforzo straordinario da parte di tutti i soggetti coinvolti, siamo riusciti a posare le condotte rimanenti più velocemente del previsto. La messa in funzione completa può quindi avvenire prima del previsto”, ha dichiarato Torben Brabo, direttore delle relazioni internazionali di Energinet.

“Baltic Pipe fa parte di una più ampia strategia polacca per porre fine alla dipendenza dal gas russo che scorre attraverso il gasdotto Yamal. Era una pietra miliare del piano. Il fatto che sia stato finalizzato prima del previsto arriva naturalmente in un momento favorevole, dal momento che la Polonia non riceve più il gas che riceveva prima”, ha dichiarato a Euronews Trine Villumsen Berling, ricercatrice senior in sicurezza globale presso l’Istituto danese per gli studi internazionali (DIIS).

“Tuttavia, il piano polacco è sempre stato quello di smettere di usare il gas russo quando il contratto con Gazprom sarà scaduto alla fine del 2022”, ha aggiunto.

Il ministro polacco per le infrastrutture energetiche Mateusz Berger ha dichiarato sabato che il completamento del progetto significa che la Polonia dovrebbe ricevere il doppio del gas inizialmente previsto nell’ultimo trimestre dell’anno. La norvegese Equinor ha dichiarato venerdì di aver stipulato un accordo decennale per la vendita di gas naturale alla polacca PGNiG, per un volume di 2,4 miliardi di metri cubi (bcm) all’anno, pari a circa il 15% del consumo annuale polacco. Il tubo baltico ha una capacità annua di 10 miliardi di metri cubi.

Il contratto con Equinor integra la fornitura di gas naturale liquefatto (GNL) della Polonia, la produzione nazionale e le potenziali importazioni attraverso gli interconnettori con i Paesi vicini in vista del prossimo inverno. In un comunicato della scorsa settimana, PGNiG ha dichiarato di essersi assicurata la fornitura di gas per la stagione di riscaldamento invernale.

Armando Savini

Fonte: https://www.euronews.com/2022/09/27/baltic-pipe-norway-poland-gas-pipeline-opens-in-key-move-to-cut-dependency-on-russia 

(Visited 504 times, 1 visits today)

About The Author

Potrebbe interessarti anche