Vladimir Putin e il multipolarismo

Questo articolo di Shahzada Rahim ripercorre brevemente i punti salienti della carriera di Putin, mettendo altresì in risalto la sua visione del mondo, per cui «l’Occidente deve rispettare la Russia come polo separato nell’ordine internazionale insieme ad altre potenze globali emergenti come Cina e India. Secondo Putin, il momento unipolare è finito e lo Stato di diritto internazionale può essere rafforzato e attuato solo se l’Occidente rispetta la “sfera di influenza” di ciascun polo». L’Occidente deve riconoscere che il nuovo ordine multipolare è reale. Solo così ci sarà pace e sicurezza.

Di Shahzada Rahim

Da quando è salito alla presidenza russa, Vladimir Putin si è imposto all’attenzione dei media mainstream globali per due motivi principali. In primo luogo, da giovane ha prestato servizio nell’intelligence sovietica KGB e durante la disintegrazione dell’Unione Sovietica era in servizio come colonnello presso il quartier generale del KGB a Dresda, in Germania Est. Questo significa che il giovane leader russo ha dei ricordi elefantiaci del periodo sovietico. In secondo luogo, dopo la caduta dell’Unione Sovietica, il giovane Vladimir Putin, laureato in Giurisprudenza ed ex ufficiale del KGB, rimase senza lavoro per un breve periodo, fino a quando il sindaco di San Pietroburgo Anatoly Sobchak lo nominò in ufficio, dove inizialmente prestò servizio come funzionario junior e poi divenne vicesindaco. Queste due esperienze divennero il motivo principale che trascinò l’attenzione dei media mainstream mondiali verso la personalità oscura, misteriosa e incomprensibile del giovane leader russo. 

All’indomani dell’attacco terroristico del settembre 2001, Vladimir Putin è stato il primo leader mondiale a visitare gli Stati Uniti e ha incontrato l’allora presidente americano George W. Bush. Dopo un breve incontro con il giovane leader russo, il presidente Bush ha dichiarato pubblicamente: “L’ho guardato negli occhi. L’ho trovato molto diretto e affidabile”. Forse, il tentativo del Presidente Bush di percepire l’anima di Vladimir Putin non è stato un errore geopolitico, perché nelle sue decisioni e nella difesa degli interessi della Russia, Vladimir Putin si è sempre dimostrato schietto e affidabile. 

Tuttavia, non è solo nella sfera politica che Vladimir Putin è stato frainteso e mal interpretato, ma anche in quella geopolitica. Secondo le parole del famoso conduttore televisivo russo e icona dei media globali Vladimir Pozner, “negli ultimi vent’anni i leader occidentali hanno frainteso Vladimir Putin e di conseguenza, nello stesso periodo, il modo in cui Vladimir Putin si è presentato è stato il riflesso stesso della mentalità politica occidentale. 

Se analizziamo la personalità del leader russo dal punto di vista geopolitico, egli appare senza dubbio come un realista pragmatico che considera sempre la “sicurezza” della Russia come la sua massima priorità. Nei primi anni della sua presidenza, Vladimir Putin ha stabilito strette relazioni sia con gli Stati Uniti che con i suoi vicini europei. Per ottenere garanzie di sicurezza dagli Stati Uniti e dai suoi alleati europei, la Russia ha collaborato con la NATO per istituire il Consiglio NATO-Russia (NRC) nel 2002. Il compito principale del Consiglio NATO-Russia (NRC) era la costruzione del consenso, la cooperazione e la consultazione reciproca sulle questioni di sicurezza. Forse questo gesto pragmatico di Vladimir Putin non deve essere dimenticato.

Inoltre, fin dai primi giorni del suo mandato, Vladimir Putin ha ripetutamente condiviso le linee guida della sicurezza russa con gli Stati Uniti e gli alleati della NATO in Europa. Gli esperti di politica estera hanno definito il pragmatismo della politica estera di Putin come l’approccio della Russia all’estero, che è rimasto efficace fino al 2004. Le preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza hanno cominciato ad acuirsi quando un gran numero di Stati post-sovietici dell’Europa baltica e orientale ha aderito all’Unione Europea. Tuttavia, fin dall’inizio la Russia ha percepito l’espansione a est dell’UE dal punto di vista del dilemma della sicurezza e quindi, durante diversi incontri internazionali, Vladimir Putin ha messo in discussione la politica di espansione a est dell’UE. Le crescenti preoccupazioni di Putin in materia di sicurezza possono essere equiparate all’analisi del famoso autore di geopolitica Tim Marshall. Secondo Marshall, nel corso della storia, la Russia è stata prigioniera della sua grande e troppo estesa geografia pianeggiante, dove la “sicurezza” è sempre rimasta l’ossessione dei suoi governanti.

Allo stesso modo, la politica di espansione verso est dell’UE, iniziata nel 2004, è diventata il principale contenuto del dibattito e della discussione tra le élite politiche e di sicurezza russe. Soprattutto le élite russe della sicurezza ritenevano che l’espansione a est dell’UE mirasse a spianare la strada alla NATO per raggiungere i confini russi. Da questa discussione è emerso un nuovo fenomeno di sicurezza, l'”accerchiamento della Russia”, che ha dominato la politica estera russa negli anni a venire. La maggior parte delle élite politiche e di sicurezza russe incolpò direttamente gli Stati Uniti per l’americanizzazione delle politiche estere e di difesa europee. A questo proposito, se si vuole comprendere il contesto del conflitto in corso tra Russia e Ucraina, è necessario studiare la trasformazione della politica estera russa dopo il 2004. Inoltre, il 2004 è importante per due motivi principali. 

In primo luogo, il 2004 ha segnato l’inizio dell’espansione verso est dell’UE e quindi dell’espansione della NATO in prossimità dei confini russi. In secondo luogo, negli stessi anni sono iniziate le rivoluzioni colorate nello spazio post-sovietico, a partire dall’Ucraina, che la Russia ritiene siano state sponsorizzate dalla NATO per rovesciare i regimi favorevoli alla Russia. Quindi, sulla scia delle rivoluzioni colorate, il termine “sicurezza della sfera d’influenza russa” è diventato la principale ossessione delle élite politiche e di sicurezza russe.

In quest’ultimo contesto, se rivediamo il pensiero geopolitico del Presidente russo, secondo Putin la caduta dell’Unione Sovietica è stata la più grande catastrofe geopolitica del XX secolo che ha messo a rischio la sicurezza geopolitica della Russia. Forse è per questo che, fin dai primi giorni del suo mandato, Vladimir Putin ha ipotizzato i problemi di sicurezza della Federazione Russa. Anche per quanto riguarda le linee rosse della Russia, ha lanciato un chiaro avvertimento agli Stati Uniti e ai suoi alleati europei della NATO durante il suo discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco nel 2007. Vladimir Putin ha detto: “Il fatto che siamo pronti a non collocare l’esercito della NATO fuori dal territorio tedesco dà all’Unione Sovietica una solida garanzia di sicurezza” – dove sono queste garanzie? Quindi, nella visione geopolitica di Putin, gli americani e i suoi alleati europei hanno messo in ombra e disprezzato le garanzie di sicurezza per la Russia e hanno permesso alla NATO di accerchiare la Russia, cosa che egli considera una promessa non mantenuta.

Da realista pragmatico, Vladimir Putin ritiene che, poiché l’America e i suoi alleati europei non hanno mantenuto la promessa, la Russia abbia il diritto naturale di garantire la propria sicurezza nello spazio post-sovietico. Quindi, eventi come la guerra con la Georgia (2008) e l’annessione della Crimea (2014) sono stati solo una calma prima della tempesta. A mio avviso, questi eventi sono stati il campanello d’allarme per la NATO, che ha abbandonato il suo espansionismo lungo i confini russi. Sfortunatamente, in Occidente questi due eventi importanti non sono stati accolti come avvertimenti importanti, ma sono stati considerati come aggressione russa e neo-imperialismo, il che è completamente fuori logica. 

Secondo Putin, l’Occidente deve rispettare la Russia come polo separato nell’ordine internazionale insieme ad altre potenze globali emergenti come Cina e India. Secondo Putin, il momento unipolare è finito e lo Stato di diritto internazionale può essere rafforzato e attuato solo se l’Occidente rispetta la “sfera di influenza” di ciascun polo. Inoltre, il multipolarismo emergente è reale e l’Occidente deve comprenderlo, se vuole fare sul serio con la pace e la sicurezza internazionale.

Armando Savini

LIBRO: Sovranità, debito e moneta. Dal dominio delle banche centrali al Quantum Financial System di Armando Savini. ACQUISTA QUI LA TUA COPIA

Fonte: https://katehon.com/en/article/vladimir-putin-and-multipolarity 

(Visited 762 times, 1 visits today)

About The Author

Potrebbe interessarti anche