La svolta globale

Come evitare una nuova guerra fredda in un’epoca multipolare

Di Olaf Scholz – 5 dicembre 2022

Il mondo sta vivendo una svolta. La guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina significa la fine di un’epoca. Nuove potenze si sono rafforzate o sono riemerse, tra cui una Cina economicamente forte e politicamente sicura di sé. In questo nuovo mondo multipolare, diversi Paesi e modelli di governo sono in competizione per il potere e l’influenza. 

Da parte sua, la Germania sta facendo del suo meglio per difendere e promuovere l’ordine internazionale basato sui principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite. La sua democrazia, la sua sicurezza e la sua prosperità dipendono dal fatto che il potere sia vincolato da regole universalmente applicabili. Per questo la Germania si sforza di diventare un garante della sicurezza europea, come si aspettano i nostri alleati, un costruttore di ponti all’interno dell’Unione europea e un campione di soluzioni multilaterali ai problemi globali. Solo così la Germania potrà superare con successo le tempeste geopolitiche del nostro tempo.

La svolta dei tempi va oltre la guerra in Ucraina e la questione della sicurezza europea. La domanda centrale è: come possiamo noi europei, come Unione Europea, esistere come attori indipendenti in un mondo sempre più multipolare? 

La Germania e l’Europa possono contribuire alla difesa dell’ordine internazionale basato sulle regole senza adottare il punto di vista fatalista secondo cui il mondo si disintegrerà inevitabilmente in blocchi concorrenti. Data la sua storia, il mio Paese ha una responsabilità particolare nel combattere le forze del fascismo, dell’autoritarismo e dell’imperialismo. Allo stesso tempo, l’esperienza della divisione del nostro Paese nel corso di una contesa ideologica e geopolitica ci dà una particolare consapevolezza dei pericoli di una nuova guerra fredda.

pastedGraphic_1.png Sovranità, debito e moneta

Dal Quantum Financial System al Nuovo Ordine Multipolare

https://www.youcanprint.it/sovranita-debito-e-moneta/b/5fce4a04-262c-59a1-bfb6-5313289468a3

LA FINE DI UN’ERA

Per gran parte del mondo, i tre decenni trascorsi dalla caduta della cortina di ferro sono stati caratterizzati da una relativa pace e prosperità. Il progresso tecnologico ha portato a un livello di interconnessione e cooperazione senza precedenti. Grazie al crescente commercio internazionale, alle catene di produzione e di valore globali e allo scambio senza precedenti di persone e conoscenze attraverso i confini, più di un miliardo di cittadini ha trovato la via d’uscita dalla povertà. Soprattutto, cittadini coraggiosi in tutto il mondo si sono liberati dalla dittatura e dal monopartitismo. La loro ricerca di libertà, dignità e democrazia ha cambiato il corso della storia. Due devastanti guerre mondiali e immense sofferenze – molte delle quali causate dal mio Paese – sono state seguite da oltre quattro decenni di tensioni e scontri all’ombra di un potenziale annientamento nucleare. Ma negli anni ’90 sembrava che si fosse finalmente instaurato un ordine mondiale più resistente. 

I tedeschi, in particolare, potevano ritenersi fortunati. Nel novembre 1989, il Muro di Berlino fu abbattuto dai coraggiosi cittadini della DDR. Solo undici mesi dopo, il Paese era riunito, grazie a politici lungimiranti e al sostegno dei partner dell’Est e dell’Ovest. Infine, ciò che appartiene all’insieme è stato in grado di crescere insieme, come disse l’ex cancelliere tedesco Willy Brandt poco dopo la caduta del Muro.

Queste parole non sono mai state applicate alla sola Germania, ma anche all’Europa nel suo complesso. Gli ex membri del Patto di Varsavia hanno deciso di allearsi all’interno dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e di aderire all’UE. Un’Europa che fosse, nelle parole dell’allora Presidente degli Stati Uniti George Bush, “unita e libera” non sembrava più una speranza infondata. In questa nuova era, sembrava possibile che la Russia potesse diventare un partner dell’Occidente anziché un avversario, come era stata l’Unione Sovietica. Di conseguenza, la maggior parte dei Paesi europei ha ridimensionato i propri eserciti e ridotto i bilanci della difesa. Per la Germania, la logica sembrava semplice: perché mantenere una grande forza di circa 500.000 soldati quando tutti i nostri vicini erano, a quanto pare, amici o partner?

Il mondo non deve necessariamente dividersi di nuovo in blocchi concorrenti. 

L’attenzione della nostra politica di sicurezza e difesa si è rapidamente spostata su altre minacce urgenti. Le guerre balcaniche e le conseguenze degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, comprese le guerre in Afghanistan e in Iraq, hanno aumentato l’importanza della gestione delle crisi regionali e globali. All’interno della NATO, tuttavia, la solidarietà è rimasta intatta: Dopo gli attentati dell’11 settembre, si è deciso per la prima volta di dichiarare l’emergenza dell’alleanza ai sensi dell’articolo 5 del Trattato del Nord Atlantico, e per due decenni le truppe della NATO hanno combattuto fianco a fianco contro il terrorismo in Afghanistan.

L’economia tedesca ha tratto le proprie conclusioni dal nuovo corso degli eventi. Con la caduta della cortina di ferro e un’economia globale sempre più integrata, si sono aperte nuove opportunità e mercati, soprattutto negli Stati dell’ex blocco orientale, ma anche in altre economie emergenti, soprattutto in Cina. Durante la Guerra Fredda, la Russia aveva dimostrato di essere un fornitore affidabile di energia e materie prime con le sue enormi risorse, e quindi sembrava logico – almeno inizialmente – espandere questa promettente partnership in tempo di pace. 

La leadership russa, tuttavia, ha vissuto la dissoluzione dell’ex Unione Sovietica e del Patto di Varsavia in modo molto diverso dalla leadership politica di Berlino e di altre capitali europee e ne ha tratto conclusioni completamente diverse. Invece di vedere la caduta pacifica del regime comunista come un’opportunità per una maggiore libertà e democrazia, il presidente russo Vladimir Putin l’ha descritta come la “più grande catastrofe geopolitica del XX secolo”. Le turbolenze economiche e politiche in alcune parti dello spazio post-sovietico negli anni Novanta hanno solo esacerbato il senso di perdita e di dolore che molti russi associano ancora alla fine dell’Unione Sovietica.

Infine, in questo ambiente, cominciarono a riaffiorare aspirazioni autoritarie e imperialiste. Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007, Putin ha tenuto un discorso aggressivo in cui ha bollato l’ordine internazionale basato sulle regole come un mero strumento di dominio americano. L’anno successivo la Russia ha mosso guerra alla Georgia. Nel 2014, la Russia ha occupato e annesso la Crimea e ha dispiegato truppe in alcune parti della regione di Donbas, nell’Ucraina orientale, in palese violazione del diritto internazionale e degli obblighi previsti dai trattati di Mosca. Negli anni successivi, il Cremlino ha minato i trattati sul controllo degli armamenti e ha ampliato le sue capacità militari, ha avvelenato e ucciso dissidenti russi, ha dato un giro di vite alla società civile ed è intervenuto in una brutale operazione militare a favore del regime di Assad in Siria. Passo dopo passo, la Russia di Putin ha intrapreso un percorso che ha allontanato sempre più il Paese dall’Europa e da un ordine di pace basato sulla cooperazione. 

L’IMPERO COLPISCE ANCORA

Negli otto anni successivi all’annessione illegale della Crimea e all’inizio del conflitto nell’Ucraina orientale, la Germania e i suoi partner europei e internazionali del G7 si sono concentrati sulla garanzia della sovranità e dell’indipendenza politica dell’Ucraina, sulla prevenzione di ulteriori escalation da parte della Russia e sul ripristino e il mantenimento della pace in Europa. Questo obiettivo doveva essere raggiunto con un mix di pressioni politiche ed economiche che combinassero misure sanzionatorie nei confronti della Russia con il dialogo. Insieme alla Francia, la Germania si è impegnata nel cosiddetto formato Normandia, che ha portato agli accordi di Minsk e al relativo processo di Minsk, invitando Russia e Ucraina a raggiungere un cessate il fuoco e una serie di ulteriori passi. Nonostante le battute d’arresto e la mancanza di fiducia tra Mosca e Kiev, Germania e Francia hanno mantenuto il processo. Ma una Russia revisionista ha reso impossibile il successo diplomatico.

Il brutale attacco della Russia all’Ucraina nel febbraio 2022 ha infine segnato l’inizio di una realtà fondamentalmente nuova: il ritorno dell’imperialismo in Europa. La Russia sta usando alcuni dei metodi militari più crudeli del XX secolo e sta portando sofferenze indicibili all’Ucraina. Migliaia e migliaia di soldati e civili ucraini hanno già perso la vita; molti altri sono rimasti feriti o traumatizzati. Milioni di ucraini sono dovuti fuggire dalla loro patria e hanno cercato rifugio in Polonia o in altri Paesi europei; un milione di loro è arrivato in Germania. Case, scuole e cliniche ucraine sono state ridotte in macerie dall’artiglieria, dai razzi e dalle bombe russe. Mariupol, Irpin, Kherson, Isyum: questi luoghi ricorderanno per sempre al mondo i crimini della Russia – e i responsabili devono essere chiamati a rispondere.

Ma l’impatto della guerra russa non riguarda solo l’Ucraina. Quando Putin ha dato l’ordine di attaccare, ha distrutto un’architettura di pace europea e internazionale che era stata costruita per decenni. Sotto la guida di Putin, la Russia ha violato i principi più elementari del diritto internazionale sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite: la rinuncia all’uso della forza come strumento di politica internazionale e l’obbligo di rispettare l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale di tutti gli Stati. Come una potenza imperiale, la Russia sta cercando di spostare i confini con la forza e di dividere ancora una volta il mondo in blocchi e sfere di influenza. 

UN’EUROPA RAFFORZATA

Il mondo non deve permettere a Putin di fare il suo corso. Dobbiamo porre fine all’imperialismo revanscista della Russia. La Germania ha ora il compito essenziale di assumersi la responsabilità di essere uno dei principali garanti della sicurezza in Europa, investendo nelle nostre forze armate, rafforzando l’industria europea della difesa, aumentando la nostra presenza militare sul fianco orientale della NATO e addestrando ed equipaggiando le forze armate ucraine.

Il nuovo ruolo della Germania richiede una nuova cultura strategica e la strategia di sicurezza nazionale che adotteremo tra qualche mese ne terrà conto. Negli ultimi tre decenni, le decisioni riguardanti la sicurezza della Germania e l’equipaggiamento della Bundeswehr sono state prese sullo sfondo di un’Europa pacifica. Ora saranno guidati dalla domanda su quali minacce noi e i nostri alleati dobbiamo affrontare in Europa, principalmente dalla Russia. Questi includono potenziali attacchi al territorio dell’Alleanza, la guerra informatica e persino la remota possibilità di un attacco nucleare, che Putin ha minacciato in modo poco sottile.

Il partenariato transatlantico rimane centrale per affrontare queste sfide. Al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e alla sua amministrazione va il merito di aver costruito e investito in partnership e alleanze forti in tutto il mondo. Ma un partenariato transatlantico equilibrato e resistente richiede anche un impegno attivo da parte della Germania e dell’Europa. Una delle prime decisioni prese dal governo tedesco dopo l’attacco russo all’Ucraina è stata quella di creare un fondo speciale di 100 miliardi di euro per equipaggiare meglio la Bundeswehr. Abbiamo persino emendato la nostra Legge fondamentale in modo che questo bene potesse essere istituito. Questa decisione segna la svolta più profonda nella politica di sicurezza tedesca dalla fondazione della Bundeswehr nel 1955. I nostri soldati riceveranno il sostegno politico, il materiale e le capacità necessarie per difendere il nostro Paese e i nostri alleati. L’obiettivo è una Bundeswehr su cui noi e i nostri alleati possiamo fare affidamento. Per raggiungere questo obiettivo, in Germania investiremo il 2% del nostro prodotto interno lordo nella difesa.

Questi cambiamenti riflettono una nuova consapevolezza anche nella società tedesca. Oggi la grande maggioranza dei tedeschi ritiene che il nostro Paese abbia bisogno di un esercito con la capacità e la volontà di scoraggiare i nemici e di difendere se stesso e i suoi alleati. Nel difendere il proprio Paese dall’aggressione russa, la Germania è al fianco del popolo ucraino. Dal 2014 al 2020, il maggior numero di investimenti privati e di aiuti statali in Ucraina è arrivato dalla Germania. Dall’inizio dell’invasione russa, la Germania ha ulteriormente aumentato il suo sostegno finanziario e umanitario all’Ucraina e ha contribuito al coordinamento della risposta internazionale nell’ambito della Presidenza tedesca del G7. 

La svolta degli eventi ha anche spinto il governo tedesco a riconsiderare un principio consolidato della politica tedesca sulle esportazioni di armi, in vigore da decenni. Per la prima volta nella storia recente della Germania, stiamo fornendo armi in una guerra tra due Stati. Nei miei colloqui con il Presidente ucraino Volodymyr Selensky, ho chiarito una cosa: la Germania manterrà il suo sostegno all’Ucraina fino a quando sarà necessario. Ciò di cui l’Ucraina ha urgentemente bisogno oggi è di sistemi di artiglieria e di difesa aerea, ed è proprio ciò che la Germania sta fornendo in stretto coordinamento con i suoi alleati e partner. Il sostegno tedesco all’Ucraina comprende armi anticarro, veicoli blindati per le truppe, cannoni e missili antiaerei e sistemi radar per il rilevamento dell’artiglieria. Una nuova missione dell’UE addestrerà fino a 15.000 soldati ucraini, di cui fino a 5.000 – un’intera brigata – in Germania. Nel frattempo, Repubblica Ceca, Grecia, Slovacchia e Slovenia hanno promesso o già consegnato all’Ucraina circa 100 carri armati di epoca sovietica; in cambio, la Germania fornirà a questi Paesi carri armati tedeschi ricondizionati. In questo modo, l’Ucraina riceverà carri armati con cui le forze armate ucraine hanno familiarità ed esperienza e che possono essere facilmente integrati nei processi logistici e di manutenzione esistenti in Ucraina. 

Le azioni della NATO non devono portare a un confronto diretto con la Russia, ma l’Alleanza deve fornire una deterrenza credibile contro ulteriori aggressioni russe. A tal fine, la Germania ha aumentato in modo significativo la sua presenza sul fianco orientale della NATO, rafforzando la NATO Joint Task Force a guida tedesca in Lituania e schierando una brigata per fornire protezione. La Germania fornisce anche truppe per i gruppi tattici della NATO in Slovacchia e l’aeronautica tedesca contribuisce al monitoraggio e alla sicurezza dello spazio aereo sopra l’Estonia e la Polonia. La Marina tedesca, a sua volta, ha partecipato alle attività di deterrenza e difesa della NATO nel Mar Baltico. La Germania contribuirà anche con una divisione corazzata e con vasti mezzi dell’aviazione e della marina (tutti in stato di massima allerta) al nuovo modello di forze della NATO, progettato per migliorare la capacità dell’Alleanza di rispondere rapidamente a tutte le situazioni di crisi. La Germania mantiene il suo impegno negli accordi di condivisione nucleare della NATO, anche attraverso l’acquisto di jet da combattimento F-35 con capacità di doppia missione. 

Il nostro messaggio a Mosca è chiarissimo: siamo determinati a difendere ogni centimetro del territorio della NATO contro qualsiasi aggressione. Onoreremo la solenne promessa della NATO che un attacco a un alleato è un attacco all’intera Alleanza. Abbiamo anche chiarito alla Russia che le recenti dichiarazioni russe sulle armi nucleari sono negligenti e irresponsabili. Durante la mia visita a Pechino a novembre, il Presidente cinese Xi Jinping e io abbiamo concordato che le minacce sull’uso di armi nucleari sono inaccettabili e che l’uso di queste armi orribili supererebbe una linea rossa che l’umanità ha giustamente stabilito. Putin dovrebbe essere chiaro su questo punto. 

     Il nostro messaggio a Mosca è chiaro: difenderemo ogni centimetro del territorio della NATO. 

Tra i tanti errori di calcolo di Putin c’è stato quello di ipotizzare che l’invasione dell’Ucraina avrebbe inasprito le relazioni tra i suoi avversari. In realtà, è accaduto il contrario: L’UE e l’alleanza transatlantica sono più forti che mai. Nulla lo dimostra più chiaramente delle sanzioni economiche senza precedenti che la Russia deve ora affrontare. Fin dall’inizio della guerra, era chiaro che queste sanzioni sarebbero dovute rimanere in vigore per molto tempo, poiché la loro efficacia aumenta di settimana in settimana. Putin deve capire che non verrà ritirata nemmeno una sanzione se la Russia cercherà di dettare i termini di un accordo di pace. 

Tutti i capi di Stato e di governo dei Paesi del G7 hanno riconosciuto la disponibilità di Selensky per una pace giusta che preservi l’integrità territoriale e la sovranità dell’Ucraina e garantisca la futura capacità di autodifesa del Paese. In coordinamento con i nostri partner, la Germania è pronta a raggiungere accordi nell’ambito di un possibile accordo di pace postbellico che salvaguardi la sicurezza dell’Ucraina nel lungo periodo. D’altra parte, non accetteremo l’annessione illegale del territorio ucraino, malcelata solo da referendum fasulli. Perché la guerra finisca, la Russia deve ritirare le sue truppe. 

BUONO PER IL CLIMA, CATTIVO PER LA RUSSIA

La guerra della Russia non solo ha unito l’UE, la NATO e il G7 nella loro opposizione a questa aggressione, ma ha anche portato a cambiamenti di politica economica ed energetica che saranno dolorosi per la Russia nel lungo periodo – e daranno un enorme impulso all’indispensabile e già avviata transizione verso l’energia pulita. Non appena ho assunto l’incarico di Cancelliere nel dicembre 2021, ho chiesto ai miei consulenti se ci fosse un piano in atto nel caso in cui la Russia smettesse di fornire gas all’Europa. La risposta è stata negativa, anche se eravamo diventati pericolosamente dipendenti dal gas russo. 

Abbiamo quindi iniziato immediatamente a prepararci per lo scenario peggiore. Nei giorni precedenti l’invasione russa dell’Ucraina, la Germania ha temporaneamente sospeso la certificazione di Nord Stream 2, il gasdotto che avrebbe dovuto aumentare significativamente le forniture di gas russo all’Europa. Poi, già nel febbraio 2022, sono stati presentati piani per l’importazione di gas naturale liquefatto (GNL) dal mercato mondiale extraeuropeo – e nei prossimi mesi entreranno in funzione i primi terminali galleggianti di GNL al largo delle coste tedesche. 

Lo scenario peggiore si è verificato poco dopo, quando Putin ha deciso di usare l’energia come arma e di tagliare le forniture energetiche alla Germania e all’Europa. Nel frattempo, la Germania ha eliminato completamente le importazioni di carbone russo e anche le importazioni di petrolio russo nell’UE finiranno presto. Abbiamo imparato la lezione: La sicurezza dell’Europa dipende dalla diversificazione dell’approvvigionamento energetico e delle rotte di approvvigionamento e dall’investimento nell’indipendenza energetica. Il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream a settembre ha sottolineato ancora una volta questa necessità.

Per ovviare alla potenziale carenza di energia in Germania e in tutta Europa, il governo tedesco ha temporaneamente ricollegato alla rete le centrali a carbone e ha permesso alle centrali nucleari tedesche di funzionare più a lungo di quanto inizialmente previsto. Abbiamo anche stabilito che gli impianti di stoccaggio di gas di proprietà privata devono avere livelli minimi di riempimento progressivamente più elevati. Oggi le nostre strutture di stoccaggio sono completamente piene, a differenza dello stesso periodo dell’anno scorso, quando i livelli erano insolitamente bassi. Si tratta di una buona posizione di partenza per la Germania e per l’Europa per superare l’inverno senza intoppi nelle forniture di gas.

La guerra della Russia ci ha fatto capire che il raggiungimento di questi ambiziosi obiettivi è necessario per difendere la nostra sicurezza e indipendenza e quella dell’Europa. L’abbandono dei combustibili fossili aumenterà la domanda di elettricità e di idrogeno verde, e la Germania si sta preparando accelerando in modo massiccio il passaggio a fonti di energia rinnovabili come l’energia eolica e solare. I nostri obiettivi sono chiaramente definiti: Entro il 2030, almeno l’80% dell’elettricità consumata in Germania sarà generata da energie rinnovabili ed entro il 2045 il livello di emissioni di gas serra in Germania dovrà scendere a zero, ovvero si dovrà raggiungere la neutralità climatica.

IL PEGGIOR INCUBO DI PUTIN

Putin intendeva dividere l’Europa in zone di influenza e dividere il mondo in blocchi di grandi potenze e Stati vassalli. Invece, la sua guerra è servita solo a far progredire l’UE. Al Consiglio europeo del giugno 2022, l’UE ha concesso lo status di Paese candidato all’Ucraina e alla Moldavia e ha ribadito che anche il futuro della Georgia è nell’Unione europea. Abbiamo anche concordato che l’adesione all’UE deve finalmente diventare una realtà per tutti e sei gli Stati dei Balcani occidentali – un obiettivo per il quale mi sono impegnato personalmente. Per questo motivo, ho rilanciato il cosiddetto Processo di Berlino per i Balcani occidentali, che mira ad approfondire la cooperazione regionale, avvicinare gli Stati dei Balcani occidentali e i loro cittadini e prepararli all’adesione all’UE.

È importante chiarire che l’allargamento dell’UE e l’ammissione di nuovi membri saranno associati anche a difficoltà, perché non c’è niente di peggio che alimentare false speranze in milioni di persone. Ma la strada è aperta e l’obiettivo è chiaro: un’UE composta da oltre 500 milioni di cittadini liberi, che costituisce il più grande mercato unico del mondo, che stabilisce standard globali in materia di commercio, crescita, cambiamenti climatici e protezione dell’ambiente, e che ospita istituti di ricerca leader e aziende innovative – una famiglia di democrazie stabili che beneficiano di una sicurezza sociale e di infrastrutture pubbliche senza pari. 

Mentre l’UE si muove verso questo obiettivo, i suoi oppositori continueranno a cercare di spaccare i muri tra gli Stati membri. Putin non ha mai accettato l’UE come attore politico. Dopo tutto, in quanto unione di Stati liberi, sovrani e democratici basati sullo Stato di diritto, l’UE è l’antitesi della cleptocrazia imperialista e autocratica di Putin. 

Putin e altri cercheranno di mettere contro di noi i nostri sistemi aperti e democratici attraverso campagne di disinformazione e influenza. I cittadini europei hanno un’ampia varietà di opinioni e i leader politici europei discutono – e a volte litigano – sulla giusta linea d’azione, soprattutto in tempi così difficili dal punto di vista geopolitico ed economico. Ma queste sono caratteristiche delle nostre società aperte, non difetti; sono il cuore del processo decisionale democratico. In ogni caso, il nostro obiettivo al momento è quello di serrare i ranghi nei settori chiave in cui la disunione renderebbe l’Europa più vulnerabile all’influenza straniera. Per questo compito è fondamentale una cooperazione ancora più stretta tra Germania e Francia, che condividono la stessa visione di un’UE forte e sovrana. 

In generale, l’UE deve superare vecchi conflitti e trovare nuove soluzioni, ad esempio per quanto riguarda l’immigrazione in Europa o la politica fiscale. Le persone continueranno a venire in Europa anche in futuro e l’Europa ha bisogno di immigrazione: l’UE deve quindi sviluppare una strategia di immigrazione che sia pragmatica e in linea con i valori europei. Ciò significa porre un freno all’immigrazione irregolare e rafforzare i canali legali verso l’Europa, soprattutto per i lavoratori qualificati necessari ai nostri mercati del lavoro. Nell’ambito della politica fiscale, l’Unione ha lanciato un fondo per la ricostruzione e la resilienza, che ci permetterà anche di rispondere alle attuali sfide poste dagli alti prezzi dell’energia. L’Unione deve anche porre fine alle tattiche di blocco egoistiche nei suoi processi decisionali, abolendo la possibilità per i singoli Paesi di porre il veto su alcune misure. Nell’allargamento dell’UE e nella sua trasformazione in un attore di peso geopolitico, la rapidità delle decisioni è un prerequisito essenziale per il successo. Per questo motivo, la Germania ha proposto di estendere gradualmente la pratica del voto a maggioranza nei settori in cui attualmente le decisioni devono essere prese all’unanimità, ad esempio nella politica estera dell’UE e nelle questioni fiscali. 

L’Europa deve continuare ad assumersi maggiori responsabilità per la propria sicurezza e ha bisogno di un approccio coordinato e integrato per costruire le proprie capacità di difesa. Le forze armate dei singoli Stati membri dell’UE, ad esempio, utilizzano troppi sistemi d’arma diversi, il che è inefficiente sia dal punto di vista pratico che economico. Per affrontare questi problemi, l’UE deve modificare le sue procedure burocratiche interne e ciò richiede decisioni politiche coraggiose: gli Stati membri dell’UE, compresa la Germania, devono adattare le loro politiche e legislazioni nazionali per quanto riguarda l’esportazione di sistemi militari prodotti in comune. 

Un settore in cui l’Europa ha urgente bisogno di fare progressi è quello della difesa aerea e spaziale. Per questo motivo, nei prossimi anni la Germania rafforzerà la propria difesa aerea nell’ambito della NATO, acquisendo ulteriori capacità. Ho aperto questa iniziativa anche ai nostri vicini europei. Il risultato è la European Sky Shield Initiative, a cui hanno aderito lo scorso ottobre altri 14 Stati europei. Una difesa aerea europea comune sarà più efficace ed efficiente in termini di costi rispetto ai singoli sforzi nazionali e sarà un ottimo esempio di ciò che significa rafforzare il pilastro europeo all’interno della NATO.

La NATO è il principale garante della sicurezza euro-atlantica e non potrà che rafforzarsi con l’adesione di due democrazie di successo, la Finlandia e la Svezia. La NATO sarà inoltre rafforzata se i suoi membri europei garantiranno una maggiore compatibilità delle loro strutture di difesa attraverso misure proprie nel quadro dell’UE.

CINA E ALTRE SFIDE

La guerra di aggressione della Russia può aver innescato un’inversione di tendenza, ma gli spostamenti tettonici sono di portata molto più ampia. La fine della Guerra Fredda non ha significato la “fine della storia”, come alcuni avevano previsto. Ma nemmeno la storia si ripete. Molti ritengono che siamo all’inizio di una nuova era di bipolarismo all’interno dell’ordine internazionale. Vedono una nuova guerra fredda in arrivo, con gli Stati Uniti e la Cina come avversari. 

Non condivido questo punto di vista. Credo piuttosto che stiamo assistendo alla fine di una fase eccezionale della globalizzazione e a una trasformazione storica, accelerata da shock esterni come la pandemia COVID-19 e la guerra della Russia in Ucraina, ma non innescata solo da questi. Durante questo periodo eccezionale, il Nord America e l’Europa hanno vissuto 30 anni di crescita stabile, alti tassi di occupazione e bassa inflazione; è stato un periodo in cui gli Stati Uniti sono diventati la potenza mondiale più importante, un ruolo che manterranno anche nel XXI secolo. 

Ma durante la fase di globalizzazione successiva alla Guerra Fredda, anche la Cina è diventata l’attore globale che era stato per lunghi periodi della storia mondiale. L’ascesa della Cina non è una giustificazione per isolare Pechino né per limitare la cooperazione. Ma allo stesso tempo, la crescente potenza della Cina non giustifica le pretese egemoniche in Asia e oltre. Nessun Paese dovrebbe essere il cortile di casa di un altro: questo vale tanto per l’Europa quanto per l’Asia e qualsiasi altra regione. Durante la mia recente visita a Pechino, ho espresso il mio incrollabile sostegno all’ordine internazionale basato sulle regole sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e a un commercio aperto ed equo. In collaborazione con i suoi partner europei, la Germania continuerà a chiedere condizioni di parità per le imprese europee e cinesi. La Cina sta facendo troppo poco in questo senso e ha visibilmente intrapreso un percorso di isolamento e di allontanamento dall’apertura.

A Pechino ho anche espresso preoccupazione per la crescente insicurezza nel Mar Cinese Meridionale e nello Stretto di Taiwan e ho affrontato la posizione della Cina in materia di diritti umani e libertà individuali. Il rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali non può mai essere un “affare interno” di un singolo Stato, poiché tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite si sono impegnati a sostenere tali diritti e libertà.

Mentre la Cina e gli Stati nordamericani ed europei si adattano alle mutate realtà di questa nuova fase della globalizzazione, molti Paesi dell’Africa, dell’Asia, dei Caraibi e dell’America Latina, che hanno reso possibile la straordinaria crescita del passato grazie alla produzione a basso costo di beni e materie prime, stanno gradualmente diventando più prosperi e ora hanno le loro esigenze di risorse, beni e servizi. Queste regioni hanno tutto il diritto di cogliere le opportunità offerte dalla globalizzazione e di chiedere una maggiore voce in capitolo nelle questioni globali, in linea con il loro crescente peso economico e demografico. Non si tratta di una minaccia per i cittadini europei o nordamericani. Al contrario, dovremmo incoraggiare queste regioni a una maggiore partecipazione e integrazione nell’ordine internazionale. Questo è il modo migliore per mantenere vivo il multilateralismo in un mondo multipolare.

Per questo motivo, la Germania e l’UE stanno investendo in nuovi partenariati con numerosi Paesi dell’Africa, dell’Asia, dei Caraibi e dell’America Latina e stanno ampliando quelli già esistenti. Molti di questi Paesi hanno una caratteristica in comune con noi: sono anch’essi delle democrazie. Questa comunanza gioca un ruolo cruciale – non perché vogliamo contrapporre le democrazie agli Stati autoritari, che contribuirebbero solo a una nuova divisione del mondo, ma perché i valori e i sistemi democratici condivisi ci aiuteranno a definire priorità comuni e a raggiungere obiettivi comuni nella nuova realtà multipolare del XXI secolo. Per riprendere una tesi formulata dall’economista Branko Milanović qualche anno fa: Potremmo essere diventati tutti Stati capitalisti (forse con l’eccezione della Corea del Nord e di una piccola manciata di altri Paesi). Ma fa un’enorme differenza se il capitalismo è modellato in modo liberale e democratico o secondo linee autoritarie.

Si pensi, ad esempio, alla risposta globale alla pandemia di COVID 19. Nelle prime fasi della pandemia, si è talvolta sostenuto che gli Stati autoritari sarebbero stati più abili nella gestione delle crisi, perché più abili nella pianificazione a lungo termine e in grado di prendere decisioni difficili più rapidamente. Ma i precedenti della risposta alle pandemie da parte degli Stati autoritari non supportano questa ipotesi. I vaccini e i farmaci COVID-19 più efficaci sono stati tutti sviluppati in democrazie liberali. Inoltre, a differenza degli Stati autoritari, le democrazie hanno la capacità di autocorreggersi, poiché i cittadini sono liberi di esprimere le proprie opinioni e di scegliere i propri leader politici. I continui dibattiti e le domande che si svolgono nelle nostre società, nei parlamenti e nei media liberi possono essere a volte estenuanti. Ma è proprio questo che rende i nostri sistemi più resistenti nel lungo periodo.

    L’ascesa della Cina non giustifica l’isolamento di Pechino o la limitazione della cooperazione. 

La libertà, l’uguaglianza, lo stato di diritto e la dignità di ogni essere umano sono valori che non si limitano alla parte del mondo tradizionalmente considerata “Occidente”. Sono piuttosto condivisi da persone e governi di tutto il mondo e affermati come diritti umani fondamentali nel preambolo della Carta delle Nazioni Unite. Tuttavia, i regimi autocratici e autoritari spesso mettono in discussione o negano questi diritti e principi. Per difenderli, gli Stati membri dell’UE, compresa la Germania, devono collaborare più strettamente con le democrazie al di fuori del tradizionale “Occidente”. In passato, abbiamo trattato i Paesi dell’Africa, dell’Asia, dei Caraibi e dell’America Latina presumibilmente alla pari. Troppo spesso, però, le nostre azioni lo hanno contraddetto. La situazione deve cambiare. Durante la presidenza tedesca del G7 nel 2022, il gruppo ha coordinato strettamente la sua agenda con l’Indonesia, che nello stesso periodo deteneva la presidenza del G20. Abbiamo incluso nelle nostre deliberazioni anche il Senegal come presidente dell’Unione Africana, l’Argentina come presidente della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, il Sudafrica, nostro partner del G20, e l’India come prossimo presidente del G20. 

In definitiva, però, in un mondo multipolare, il dialogo e la cooperazione devono avvenire anche al di fuori della zona di comfort democratica. La nuova Strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti sottolinea giustamente la necessità di collaborare con i Paesi che non hanno abbracciato le istituzioni democratiche, ma che tuttavia si affidano e sostengono un sistema internazionale basato su regole. Le democrazie mondiali dovranno collaborare con questi Paesi per difendere e mantenere un ordine mondiale in cui il potere sia vincolato da regole e in cui si oppongano atti revisionisti come la guerra di aggressione della Russia. Ciò richiede pragmatismo e un certo grado di umiltà. 

Il cammino verso la libertà democratica di cui godiamo oggi è stato pieno di battute d’arresto e fallimenti. Eppure alcuni diritti e principi sono stati stabiliti e accettati secoli fa. La formula habeas corpus, protezione contro l’arresto arbitrario, denota uno di questi diritti elementari – e fu riconosciuta per la prima volta non da un governo democratico, ma da una monarchia assolutista sotto il re Carlo II d’Inghilterra. Altrettanto importante è il principio secondo cui nessun Paese può prendere con la forza ciò che appartiene al suo vicino. Il rispetto di questi diritti e principi fondamentali dovrebbe essere richiesto a tutti gli Stati, indipendentemente dal loro sistema politico interno. 

I periodi di relativa pace e prosperità nella storia umana, come quello vissuto da gran parte del mondo all’inizio dell’era post-Guerra Fredda, non devono necessariamente essere una rara parentesi o una mera deviazione da una norma storica in cui altrimenti è la forza bruta a dettare le regole. E se non possiamo tornare indietro nel tempo, possiamo però respingere la marea dell’aggressione e dell’imperialismo. Nel complesso mondo multipolare di oggi, questo compito diventa ancora più difficile. Per riuscirci, la Germania e i suoi partner dell’UE, degli Stati Uniti, del G7 e della NATO devono difendere le nostre società aperte, difendere i nostri valori democratici e rafforzare le nostre alleanze e i nostri partenariati. Allo stesso tempo, però, dobbiamo resistere alla tentazione di dividere ancora una volta il mondo in blocchi. Ciò significa fare del nostro meglio per costruire nuovi partenariati, in modo pragmatico e senza paraocchi ideologici. Nel nostro mondo altamente interconnesso, sono necessari nuovi modi di pensare e nuovi strumenti per promuovere la pace, la prosperità e le libertà civili. Sviluppare queste mentalità e questi strumenti: è questo l’obiettivo finale della svolta dei tempi.

Traduzione a cura di Armando Savini

Fonte: https://www.foreignaffairs.com/germany/die-globale-zeitenwende 

(Visited 555 times, 1 visits today)

About The Author

Potrebbe interessarti anche