Sud globale: Valute sostenute dall’oro per sostituire il dollaro USA

L’adozione di valute sostenute da materie prime da parte del Sud globale potrebbe mettere in crisi il dominio del dollaro USA e livellare le condizioni del commercio internazionale.

Di Pepe Escobar, January 19 2023

Partiamo da tre fatti multipolari interconnessi.

Primo: Uno dei risultati più importanti dell’evento annuale del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, è che il ministro delle Finanze saudita Mohammed al-Jadaan, durante un panel sulla “Trasformazione dell’Arabia Saudita”, ha chiarito che Riyadh “prenderà in considerazione la possibilità di commerciare in valute diverse dal dollaro USA”.

Il petroyuan è quindi finalmente a portata di mano? È possibile, ma Al-Jadaan ha saggiamente optato per un’attenta copertura: “Abbiamo una relazione molto strategica con la Cina e godiamo della stessa relazione strategica con altre nazioni, compresi gli Stati Uniti, e vogliamo svilupparla con l’Europa e altri Paesi”.

Secondo: le banche centrali di Iran e Russia stanno studiando l’adozione di una “moneta stabile” per i regolamenti commerciali con l’estero, che sostituisca il dollaro USA, il rublo e il rial. La folla delle criptovalute è già in fermento e sta valutando i pro e i contro di una moneta digitale della banca centrale (CBDC) sostenuta dall’oro per gli scambi commerciali, che sarà di fatto impermeabile al dollaro USA armato.

pastedGraphic_1.png Sovranità, debito e moneta

Dal Quantum Financial System al Nuovo Ordine Multipolare

https://www.youcanprint.it/sovranita-debito-e-moneta/b/5fce4a04-262c-59a1-bfb6-5313289468a3

Una moneta digitale sostenuta dall’oro

La questione davvero interessante è che questa moneta digitale sostenuta dall’oro sarebbe particolarmente efficace nella Zona Economica Speciale (ZES) di Astrakhan, nel Mar Caspio.

Astrakhan è il principale porto russo che partecipa al Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC), con la Russia che tratta i carichi che attraversano l’Iran con navi mercantili fino all’Asia occidentale, all’Africa, all’Oceano Indiano e all’Asia meridionale.

Il successo dell’INTSC – progressivamente legato a un CBDC sostenuto dall’oro – dipenderà in larga misura dal rifiuto di decine di Paesi asiatici, dell’Asia occidentale e dell’Africa di applicare le sanzioni imposte dagli Stati Uniti sia alla Russia che all’Iran.

Allo stato attuale, le esportazioni riguardano soprattutto energia e prodotti agricoli; le aziende iraniane sono il terzo importatore di grano russo. Poi ci saranno turbine, polimeri, attrezzature mediche e parti di automobili. Solo la sezione Russia-Iran dell’INSTC rappresenta un business da 25 miliardi di dollari.

E poi c’è l’aspetto energetico cruciale dell’INSTC, i cui attori principali sono la triade Russia-Iran-India.

Gli acquisti di greggio russo da parte dell’India sono aumentati di anno in anno di ben 33 volte. L’India è il terzo importatore mondiale di petrolio; a dicembre ha ricevuto 1,2 milioni di barili dalla Russia, che da diversi mesi si posiziona davanti all’Iraq e all’Arabia Saudita come primo fornitore di Delhi.

Un sistema di pagamento più equo

Terzo: quest’anno il Sudafrica detiene la presidenza a rotazione dei BRICS. Quest’anno inizierà l’espansione del BRICS+, con candidati che vanno dall’Algeria, Iran e Argentina alla Turchia, all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti.

 Il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor ha appena confermato che i BRICS vogliono trovare un modo per aggirare il dollaro USA e creare così “un sistema di pagamento più equo e non orientato verso i Paesi più ricchi”.

Da anni Yaroslav Lissovolik, capo del dipartimento analitico delle attività aziendali e di investimento della russa Sberbank, è un sostenitore di una maggiore integrazione dei BRICS e dell’adozione di una valuta di riserva dei BRICS.

Lissovolik ricorda che la prima proposta “di creare una nuova valuta di riserva basata su un paniere di valute dei Paesi BRICS è stata formulata dal Valdai Club già nel 2018”.

Siete pronti per l’R5?

L’idea originale ruotava attorno a un paniere di valute simile al modello dei Diritti speciali di prelievo (DSP), composto dalle valute nazionali dei membri dei BRICS – e poi, più avanti, da altre valute della cerchia allargata dei BRICS+.

Lissovolik spiega che la scelta delle valute nazionali dei BRICS ha avuto senso perché “sono tra le valute più liquide dei mercati emergenti”. Il nome della nuova valuta di riserva – R5 o R5+ – si basa sulle prime lettere delle valute dei BRICS, che iniziano tutte con la lettera R (real, rublo, rupia, renminbi, rand)”.

Quindi i BRICS hanno già una piattaforma per le loro deliberazioni approfondite nel 2023. Come osserva Lissovolik, “nel lungo periodo, la valuta R5 dei BRICS potrebbe iniziare a svolgere il ruolo di regolamento/pagamento e di deposito di valore/riserve per le banche centrali delle economie di mercato emergenti”.

È praticamente certo che lo yuan cinese avrà un ruolo di primo piano fin dall’inizio, sfruttando il suo “status di riserva già avanzato”.

Tra i potenziali candidati che potrebbero entrare a far parte del paniere di valute R5+ ci sono il dollaro di Singapore e il dirham degli Emirati Arabi Uniti.

Dal punto di vista diplomatico, Lissovolik sostiene che “il progetto R5 può diventare uno dei più importanti contributi dei mercati emergenti alla costruzione di un sistema finanziario internazionale più sicuro”.

Il progetto R5, o R5+, si interseca con quanto si sta progettando nell’Unione Economica Eurasiatica (EAEU), guidata dal ministro della Macroeconomia della Commissione Economica Eurasiatica, Sergey Glazyev.

Un nuovo gold standard

Nel suo ultimo saggio, Golden Ruble 3.0, Glazyev fa riferimento diretto a due rapporti ormai noti dello stratega del Credit Suisse Zoltan Pozsar, ex del FMI, del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e della Federal Reserve di New York: War and Commodity Encumbrance (27 dicembre) e War and Currency Statecraft (29 dicembre).

Pozsar è un convinto sostenitore di una Bretton Woods III, un’idea che sta riscuotendo un enorme successo tra gli scettici della Fed.

La cosa intrigante è che l’americano Pozsar ora cita direttamente il russo Glazyev e viceversa, il che implica un’affascinante convergenza delle loro idee.

 Cominciamo con l’enfasi di Glazyev sull’importanza dell’oro. Egli rileva l’attuale accumulo di saldi di cassa multimiliardari sui conti degli esportatori russi in valute “morbide” presso le banche dei principali partner economici esteri della Russia: Paesi dell’EAEU, Cina, India, Iran, Turchia ed Emirati Arabi Uniti.

L’esperto spiega poi come l’oro possa essere uno strumento unico per combattere le sanzioni occidentali se si ricalcolano i prezzi di petrolio e gas, cibo e fertilizzanti, metalli e minerali solidi:

    “Fissando il prezzo del petrolio in oro al livello di 2 barili per 1g si otterrà un secondo aumento del prezzo dell’oro in dollari, ha calcolato Zoltan Pozsar, stratega del Credit Suisse. Questa sarebbe una risposta adeguata ai “tetti di prezzo” introdotti dall’Occidente – una sorta di “pavimento”, una base solida. E l’India e la Cina potrebbero prendere il posto dei commercianti globali di materie prime al posto di Glencore o Trafigura”.

Ecco quindi che Glazyev e Pozsar convergono. Alcuni importanti operatori di New York rimarranno stupiti.

Glazyev traccia quindi la strada verso il Gold Ruble 3.0. Il primo gold standard fu voluto dai Rothschild nel XIX secolo, che “diedero loro l’opportunità di subordinare l’Europa continentale al sistema finanziario britannico attraverso prestiti in oro”. Il Rublo d’oro 1.0, scrive Glazyev, “ha fornito il processo di accumulazione capitalistica”.

Il Rublo d’oro 2.0, dopo Bretton Woods, “assicurò una rapida ripresa economica dopo la guerra”. Ma poi il “riformatore Kruscev cancellò l’ancoraggio del rublo all’oro, attuando nel 1961 una riforma monetaria con l’effettiva svalutazione del rublo di 2,5 volte, creando le condizioni per la successiva trasformazione del Paese [Russia] in una “appendice di materia prima del sistema finanziario occidentale””.

Glazyev propone ora che la Russia incrementi l’estrazione dell’oro fino al 3% del PIL: la base per una rapida crescita dell’intero settore delle materie prime (30% del PIL russo). Se il Paese diventa leader mondiale nella produzione di oro, ottiene “un rublo forte, un bilancio forte e un’economia forte”.

Tutte le uova del Sud globale in un unico paniere

Nel frattempo, al centro delle discussioni dell’EAEU, Glazyev sembra progettare una nuova valuta non solo basata sull’oro, ma in parte sulle riserve di petrolio e gas naturale dei Paesi partecipanti.

Pozsar sembra considerare questa soluzione potenzialmente inflazionistica: potrebbe esserlo se si verificassero degli eccessi, considerando che la nuova valuta sarebbe legata a una base così ampia.

In via ufficiosa, fonti bancarie di New York ammettono che il dollaro statunitense sarebbe “spazzato via, essendo una moneta fiat priva di valore, se Sergey Glazyev collegasse la nuova valuta all’oro”. Il motivo è che il sistema di Bretton Woods non ha più una base d’oro e non ha valore intrinseco, come la criptovaluta FTX. Il piano di Sergey di collegare la valuta anche al petrolio e al gas naturale sembra essere vincente”.

Quindi, di fatto, Glazyev potrebbe creare l’intera struttura valutaria per quello che Pozsar ha definito, quasi scherzando, il “G7 dell’Est”: gli attuali 5 BRICS più i prossimi due che saranno i primi nuovi membri del BRICS+.

Sia Glazyev che Pozsar sanno meglio di chiunque altro che quando fu creato Bretton Woods gli Stati Uniti possedevano la maggior parte dell’oro delle banche centrali e controllavano la metà del PIL mondiale. Questa è stata la base che ha permesso agli Stati Uniti di assumere il controllo dell’intero sistema finanziario globale.

Ora vasti settori del mondo non occidentale stanno prestando molta attenzione a Glazyev e alla spinta verso una nuova moneta non statunitense, completa di un nuovo standard aureo che, col tempo, avrebbe sostituito totalmente il dollaro USA.

Pozsar ha capito perfettamente come Glazyev stia perseguendo una formula che prevede un paniere di valute (come suggerito da Lissovolik). Così come ha compreso la spinta innovativa verso il petroyuan. Ne descrive così le ramificazioni industriali:

    “Poiché, come abbiamo appena detto, la Russia, l’Iran e il Venezuela rappresentano circa il 40% delle riserve mondiali accertate di petrolio, e ciascuno di essi sta attualmente vendendo petrolio alla Cina in cambio di renminbi con un forte sconto, riteniamo che la decisione della BASF di ridimensionare in modo permanente le operazioni nel suo stabilimento principale di Ludwigshafen e di trasferire invece le sue operazioni chimiche in Cina sia stata motivata dal fatto che la Cina si sta assicurando l’energia a prezzi scontati, non a prezzi maggiorati come in Europa”.

La corsa per sostituire il dollaro

Un dato fondamentale è che le grandi industrie ad alta intensità energetica si sposteranno in Cina. Pechino è diventata un grande esportatore di gas naturale liquefatto russo (LNG) verso l’Europa, mentre l’India è diventata un grande esportatore di petrolio russo e di prodotti raffinati come il diesel, sempre verso l’Europa. Sia la Cina che l’India – membri dei BRICS – acquistano dalla Russia, membro dei BRICS, a prezzi inferiori a quelli di mercato e rivendono all’Europa con un notevole profitto. Sanzioni? Quali sanzioni?

Nel frattempo, è in corso la corsa alla costituzione del nuovo paniere valutario per una nuova unità monetaria. Il dialogo a distanza tra Glazyev e Pozsar diventerà ancora più affascinante, in quanto Glazyev cercherà di trovare una soluzione a quanto dichiarato da Pozsar: lo sfruttamento delle risorse naturali per la creazione della nuova moneta potrebbe essere inflazionistico se l’offerta di moneta aumenta troppo rapidamente.

Tutto ciò sta accadendo mentre l’Ucraina – un’enorme voragine in un punto critico della Nuova Via della Seta che blocca l’Europa dalla Russia/Cina – scompare lentamente ma inesorabilmente in un vuoto nero. L’Impero può aver inghiottito l’Europa per ora, ma ciò che conta davvero dal punto di vista geoeconomico è il modo in cui la maggioranza assoluta del Sud globale sta decidendo di impegnarsi nel blocco guidato da Russia e Cina.

Il dominio economico dei BRICS+ potrebbe essere a non più di 7 anni di distanza – a prescindere dalle tossicità che possono essere architettate da quel grande e disfunzionale Stato canaglia nucleare sull’altra sponda dell’Atlantico. Ma prima, facciamo partire la nuova moneta.

Fonte: https://thecradle.co/article-view/20532/global-south-gold-backed-currencies-to-replace-the-us-dollar

Traduzione a cura di Armando Savini

(Visited 666 times, 1 visits today)

About The Author

Potrebbe interessarti anche